Mercoledì 30 Ottobre | Incontro con il Venerabile Ghesce Wangchen

L’Istituto Samantabhadra avrà l’onore e il piacere di ospitare il Venerabile Ghesce Wangchen, Direttore della Casa del Tibet di Barcellona e membro del parlamento Tibetano in esilio.

Sarà in Italia in occasione del Tour “Dialogo per la pace” in 30 paesi europei, per lasciare una lettera agli Ambasciatori cinesi, facendo appello al governo cinese di rispettare i diritti umani in Tibet.

Vi aspettiamo presso il Nostro istituto alle ore 19:00.

Biografia Ghesce Wangchen

Il Venerabile Thubten Wangchen è nato nel 1954 in Tibet, nella città di Kirong (“città della beatitudine”, in tibetano). Nel 1959, all’età di cinque anni, fu costretto a lasciare il suo paese con suo padre e due fratelli maggiori a causa dell’invasione del Tibet da parte della Cina.

Poco dopo, grazie agli auspici di S.S. il Dalai Lama e con l’aiuto del governo indiano, è stato in grado di entrare in una scuola per rifugiati tibetani a Dalhousie, in India, dove ha studiato la propria lingua buddista, cultura, storia, arte e filosofia, oltre che inglese e hindi.

A sedici anni decise di entrare in un monastero per approfondire lo studio della filosofia buddista.

Riuscì a entrare nel monastero di Namgyal, il monastero privato di S.S. il Dalai Lama- a Dharamsala, nel nord dell’India, la città ospitante del governo tibetano in esilio. Lì trascorse undici anni a studiare la dottrina buddista e i suoi rituali, cerimonie, danze, fare mandala, ecc.

 Nel dicembre 1994, dopo aver vissuto 11 anni con il Dalai Lama e attratto dalla spiritualità della religione, lasciò l’India e fondò la casa del Tibet a Barcellona, in Spagna. Il 25 settembre 1998 ottenne la cittadinanza spagnola, diventando così uno dei primi cittadini spagnoli di origini tibetane.

Nel settembre 2007 ha organizzato una visita del Dalai Lama a Barcellona, alla quale hanno partecipato oltre 10.000 persone riunite alla conferenza di Palau Sant Jordi. Il 27 aprile 2011 è stato eletto membro del parlamento tibetano in esilio, diventando uno dei due rappresentanti per l’Europa. Nel 2012, Wangchen ha promosso la “Fiamma della verità” per il Tibet, una campagna per la difesa dei diritti umani promossa dall’amministrazione centrale tibetana. Ha viaggiato attraverso le Americhe, l’Europa e l’Asia con il sostegno  di tutte le comunità tibetane nel mondo.