Lam Rim Chen Mo

Lam_Rim_Chen_Mo

Lam Rim Chen Mo | Il Grande Trattato sugli Stadi del Sentiero dell’Illuminazione 

di Lama Tsong-Kha-pa | 3 volumi, traduzione integrale in Italiano a cura dell’Istituto Samantabhadra

https://it.wikipedia.org/wiki/Lam_Rim

Il LAM RIM CHEN MO, “Il Grande Trattato sugli Stadi del Sentiero dell’ Illuminazione”,  scritto da Lama Tsong Khapa (1357 -1419),  è conosciuto come la presentazione dei livelli del sentiero buddhista relativo ai tre tipi di praticanti ed anche come il “Re delle istruzioni”  in quanto mostra il procedere parallelo della visione filosofica e del giusto comportamento.

Il Lam Rim (Sentiero Graduale) è la via praticata da tutti gli esseri che aspirano ad ottenere lo stato di Buddha.

Il Buddha storico, Buddha Sakyamuni, ha insegnato 84.000 Dharma , che si dividono in due vie, la Via Profonda e la Via Estesa, esposte rispettivamente da Nagarjuna, vissuto nel II secolo D.C., e da Asanga, vissuto nel IV secolo D.C. Il maestro indiano Atisha Dipamkarashrijnana nell’XI secolo scrive il “Bodhipatha-pradipa“, “La Lampada sul Sentiero verso l’Illuminazione”,  riunendo  le correnti filosofiche dei lignaggi delle ‘vaste azioni’ e della ‘visione profonda’ e formando un unico sentiero contenente le istruzioni dirette e complete riguardo al modo di praticare.

Da questo testo ha origine il Lam Rim Chen Mo di Lama Tsong Khapa, che rappresenta un commentario estremamente dettagliato dell’opera di Atisha. Il Lam Rim Chen Mo e’ la vera e propria essenza di tutti gli insegnamenti del Buddha per il fatto che comprende sia i Sutra che le basi per il Tantra,  che viene invece esposto nel successivo Grande Trattato Ngak Rim Chen Mo.

Il Lam Rim Chen Mo contiene tutto ciò che è necessario per il raggiungimento dell’Illuminazione, in relazione ai tre tipi di praticanti (di capacita’ minore, media e superiore). Questo testo è largamento usato in occidente perchè e’ esposto in modo chiaro, in uno stile facilmente comprensibile, ed e’ considerato un testo base della filosofia buddhista.

Il Lam Rim Chen Mo  viene menzionato per la prima volta in occidente e tradotto in Latino dal sacerdote Gesuita tibetologo toscano Ippolito Desideri (1684 – 1733); ma il suo scritto, sfortunatamente, non e’ piu’ reperibile.

L’intero testo in tibetano e’ stato tradotto in inglese -in tre volumi- dalla casa editrice americana Snow Lions di Ithaca (N.Y.) e finalizzato, con la pubblicazione del secondo volume nel 2004, preceduto dal primo e dal terzo. L’intera opera ha richiesto 12 anni di lavoro di traduzione.

Nel 2004, su richiesta del Ven. Ghesce Lharampa Sonam Jangchub, maestro residente dell’Istituto Samantabhadra di Roma, ha inizio la traduzione in italiano dal testo inglese da parte di Ghetsul-ma Tenzin Oejung (Maria Luisa Donà) – monaca del Monastero di Ganden Jangtse per i voti di rinuncia (rabjung)  e ordinata Ghetsul-ma da Sua Santita’ il Dalai Lama nel 2006. La sua traduzione dei tre volumi termina nel 2007.

Il testo, integrato nelle note ed altre parti accessorie a cura del Comitato dell’ Istituto Samantabhadra di Roma, viene stampato da “The Corporate Body of the Buddha Educational Foundation” di Taipei, Taiwan nel 2009.

L’edizione italiana del Lam Rim Chen Mo si compone di tre volumi che ricalcano fedelmente lo schema di suddivisione dei capitoli e la ramificazione degli argomenti dell’edizione originale inglese.

Oltre alle versioni inglese ed italiana, esistono una versione spagnola (del 2011) ed una mongola (del 2014).

“Ho vissuto ed insegnato per più di ventidue anni in Italia ed è quindi con molto piacere che mi accingo ad offrire ai miei discepoli italiani e agli studiosi la traduzione di un testo così importante e prezioso per la comprensione del Dharma. Possa portare loro il massimo beneficio ed utilità.” (Ghesce Sonam Jangchub)


Per informazioni e per richiedere una copia del Lam Rim potete contattare la segreteria:

340 0759464 | samantabhadra@samantabhadra.org