Gomo Tulku | Un approccio al buddhismo nel XXI secolo

Gomo Tulku è la 23esima incarnazione di Choeje Sonam Rinchen, principale discepolo del Mahasiddha indiano Phadampa Sangye contemporaneo del santo tibetano Milarepa (1052-1135). Yogi tibetano altamente realizzato, Choeje Sonam Rinchen aveva fondato un eremo Phenpo, nel Tibet centrale, dove il suo amato Maestro Phadampa Sangye aveva vissuto e insegnato. L’eremo che ospitava diverse centinaia di monaci, meditatori e  monache, era situato in una zona montuosa di Phenpo chiamata Gomo. Circa otto secoli più tardi, nel 1922, la regione Phenpo sarebbe diventata il sito ove sarebbe nata la reincarnazione nel XX secolo di Choeje Sonam Rinchen, che avrebbe preso il nome di “Gomo”.

L’attuale Gome Rinpoche, pensa che vivere, studiare o insegnare il buddismo deve essere basato su l’autenticità, la pertinenza e il pragmatismo (un approccio che sembra ovvio considerata la scelta di vita e la carriera di questo giovane Rinpoche, che ha frequentato con facilità il mondo americano, europeo e asiatico).

La ventitreesima reincarnazione di Gomo Tulku nasce a Montreal, in Canada, l’8 agosto 1988. Tre anni dopo, il Dalai Lama Lo riconosce come la reincarnazione del suo nonno materno, il ventiduesimo Gomo Tulku, che ha tenuto tutti i lignaggi della scuola Gelug ed è stato riconosciuto per la sua competenza nella pratica del Tantra come nei canti e rituali di danze tradizionali.

Nel 1995, Gomo Tulku riceve l’ordinazione monastica dal  Dalai Lama presso l’Istituto Tzong Khapa, Italia. Nei successivi dodici anni, Gomo Tulku segue il tradizionale corso di studi nel monastero di Sera Je, India, dove ha studiato filosofia e psicologia buddista. Nell’agosto del 2008, durante la cerimonia chiamata Rig-Chung, è riuscito a parlare della revisione del dibattito scolastico davanti ad un pubblico di diverse migliaia di monaci.

Mentre studia al monastero, molto giovane, Gomo Tulku scopre la sua passione per la musica e la danza. Dopo aver completato la sua formazione buddista, lascia  la vita monastica per proseguire la sua carriera musicale in Europa. Il suo primo album,  ė una raccolta di riflessioni musicali,  di un giovane tibetano, sulla vita e l’amore, è prodotto in collaborazione con musicisti e produttori di fama internazionale.

Gomo Tulku è convinto che il futuro del Buddhismo deve combinare insegnamenti tradizionali con lo stile di vita contemporaneo. Oggi Gomo Tulku continua a migliorare la sua conoscenza di  maestro tradizionale attraverso la sua esperienza umana contemporanea che vive nella società moderna. Negli ultimi anni, ha investito in numerose iniziative imprenditoriali in diversi settori. Attualmente vive a Kuala Lumpur, in Malesia, mantiene una stretta relazione con il suo patrimonio buddhista con frequenti visite al monastero in India.

La Ventiduesima reincarnazione di Gomo Tulku, ha dato c.a. 30 anni fa l’Iniziazione di Yamantaka presso l’Istituto Samantabhadra

Progetti futuri di  Gomo Tulku : promuovere il buddismo utilizzando mezzi interattivi, promuovere la  conservazione dell’ambiente in Tibet, e la musica.

Offerta consigliata: 10€

Informazioni: 3400759464 | samantabhadra@samantabhadra.org