Il significato di prendere Rifugio


Dettaglio eventi


Domenica 20 | dalle 09:30 alle 13:00

Venerabile Ghesce Dorji Wangchuk

Il significato di prendere Rifugio

Il senso del Rifugio, l’atto formale del diventare un praticante buddhista e un approccio realistico e responsabile alla pratica del buddhismo

Da cosa cerchiamo Rifugio? Da cosa stiamo cercando Protezione? Cosa o chi può offrire questa Protezione o Rifugio?

Chi offre protezione diretta siamo noi stessi. Come viene detto negli insegnamenti, dovremmo diventare i protettori di noi stessi. Del resto chi altri può proteggerci? La ragione sta nel fatto che la responsabilità di proteggere noi stessi dalla sofferenza immediata e a lungo termine è solamente nostra.

Il Buddha ci protegge mostrandoci il Sentiero, ci mostra veramente il Sentiero che porta alla fine della sofferenza, questo è il modo in cui ci offre protezione. Non ci protegge direttamente dalla sofferenza, il Buddha ha la capacità di guidarci sul Sentiero che porta alla fine della sofferenza ma solamente facendoci vedere il Sentiero.

Tuttavia, consideriamo sia il Buddha che il Sangha fonti di Rifugio, perché il Buddha ci mostra il Sentiero per la Liberazione, il Sangha perché ci aiuta, assiste e guida lungo il Sentiero. Sono quindi delle fonti di Rifugio perché ognuna di esse facilita il nostro percorso sul Sentiero per la Liberazione.

Offerta volontaria consigliata 15,00 €

Informazioni e prenotazioni:

samantabhadra@samantabhadra.org

tel 3400759464 (anche WhatsApp)

L’Istituto è aperto a tutti  esclusivamente nei giorni in cui sono programmati Insegnamenti ed eventi, 1 ora prima dell’inizio. Si prega gentilmente di osservare gli orari per rispetto nei confronti del Maestro, dei Monaci che vivono in Istituto e dei volontari.

Gli incontri privati con il Maestro sono esclusivamente su appuntamento telefonando al tel 3889094040 (anche WhatsApp